APERTURA CAMPAGNA DI TESSERAMENTO PER IL 2018

Anche quest’anno si apre la nuova campagna di tesseramento per l’associazione RiSvolta, associazione di Matera per i diritti delle persone lgbt (lesbiche, gay, bisex, trans).

La quota per il tesseramento annuale è di € 10.00.

Sostieni e supporta le attività della nostra associazione perchè per noi, piccola realtà locale, il tuo contributo è indispensabile per poter offrire a tutta la comunità locale nuove possibilità di crescita civile e sociale.

Con la tessera potrai usufruire di agevolazioni durante le nostre iniziative e di sconti in tutte le strutture e attività commerciali del circuito MateraFriendly.

Abbiamo bisogno del sostegno di tanti per continuare il nostro cammino arcobaleno.

Per tutte le info clicca su “Diventa socio” sulla nostra home page oppure contattaci.

Annunci

RICOMINCIO DA TRE!

L’ulitmo mese del 2017 porta in RiSvolta un cambio al vertice e un’apertura maggiore alla comunità gay locale.
Entra, infatti, nella squadra Michele Ferrara che ha scelto di collaborare attivamente alla costruzione dei progetti e dei sogni dell’associazione lgbt materana, lasciando i panni di socio e vestendo direttamente quelli di vicepresidente.
Il direttivo conferma Vanessa Vizziello alla presidenza e attribuisce a  Valeria Mantarano l’incarico di segretaria.
“Il motivo per il quale ho scelto di entrare in RiSvolta – racconta il neo vicepresidente originario di Irsina – è stata la voglia di lasciare un segno nella mia terra, di poter essere uno spiraglio di luce per tutti quei ragazzi gay che ancora oggi si sentono sbagliati, non si accettano e credono di essere soli”.
“Siamo felici di averlo con noi – continua Valeria Mantarano – perché il suo sorriso e il suo buon umore sono fondamentali per un’associazione che si muove in tematiche delicate e, a volte, difficili da affrontare. E’ importante per un direttivo di un’associazione di volontariato, come la nostra, condividere l’entusiasmo per ciò che si realizza e la consapevolezza dell’impegno assunto soprattutto verso la comunità. Michele ha dimostrato di avere entrambe le qualità e siamo orgogliose di averlo nella nostra nuova squadra”.
“Avere in RiSvolta uno sguardo maschile sul mondo lgbt – dichiara Vanessa Vizziello – ci aiuterà a essere più completi.
L’importanza, inoltre, di avere Michele nel nostro gruppo è anche quella di dare voce e riferimento alla provincia di Matera. Sono diverse le richieste di incontro che provengono da ragazzi dei paesi limitrofi e Michele rappresenta per RiSvolta, una nuova “Svolta” verso l’esterno. Con lui l’arcobaleno esce dalle mura materane.

Il nuovo direttivo ringrazia Elisa Rosciano, Silvia e Federica Caiella per aver avuto il coraggio di credere nei loro sogni contribuendo alla nascita e alla crescita di RiSvolta.
Ora, ricominciando da tre, riprende la marcia dell’associzazione con la costruzione della programmazione delle attività per il 2018, con uno sguardo più ampio ed un’energia ritrovata e rinnovata.

MATERA RAINBOW: È NATA LA MAGLIETTA DI RISVOLTA

Maglietta “I colori dei diritti – Matera Rainbow”

Grazie alla collaborazione con KELU e al regalo grafico del designer Celestino Sanna, prendono vita oggi le bellissime magliette ufficiali dell’Associazione RiSvolta. Nate dall’evoluzione di un progetto grafico di Kelu già in vendita in giro per Matera, le magliette “I colori dei diritti – Matera Rainbow” disegnano una Matera gay-friendly colorata e serena, nella quale convivono coppie etero e coppie omosessuali circondate da cuori, colori e elementi della tradizione materana classica.
“Ogni particolare è stato studiato e realizzato per esprimere al meglio lo spirito di inclusione e integrazione che la nostra associazione sta proponendo da un anno alla cittadinanza – dichiara la presidente di RiSvolta, Vanessa Vizziello. Il lavoro svolto con Celestino Sanna ha prodotto un risultato eccellente che riproduce fedelmente la nostra idea di Matera: colori e amore senza alcuna distinzione. Ringraziamo anche Nunzia Montemurro di Serigrafando che ci ha supportate nella realizzazione delle stampe e del prodotto finale”.
Ideate per consegnare ai concittadini e ai turisti un’immagine arcobaleno, orgogliosa e fiera della città, le maglie “I colori dei diritti – Matera Rainbow” hanno il compito di supportare le attività dell’ associazione attraverso la raccolta di erogazioni liberali in cambio delle quali sarà consegnata la maglietta.
Per ora le magliette sono reperibili contattando direttamente RiSvolta, presso il bookshop del complesso rupestre di “Madonna delle Virtù e San Nicola dei Greci” gestito dalla cooperativa Cave Heritage – Arte Cultura e Turismo e presso Bianca Boutique in Via delle Beccherie a Matera.
Certamente diventeranno presto “Punti Rainbow” anche altre attività che hanno aderito al circuito Materafriendly.
L’arcobaleno è entrato a Matera.

MATERAFRIENDLY – rispondiamo alle vostre domande – domanda n. 3 – “COSA VUOL DIRE FRIENDLY?”

MateraFriendly è un circuito ideato dall’Associazione RiSvolta  per la promozione dell’accoglienza e dell’inclusione di persone gay, lesbiche, bisessuali e transessuali a Matera

Ma cosa vuol dire esattamente la parola friendly?

Vuol dire “accogliente verso” (e non, come qualcuno pensa, “riservato a”). Il circuito del MateraFriendly è, nello specifico, gayfriendly e quindi, “accogliente verso” le persone LGBT (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali), non “riservato” a loro. Il termine in questione viene utilizzato per identificare quelle aziende che, pur producendo prodotti o fornendo servizi rivolti alla generalità dei consumatori, sostengono economicamente progetti di associazioni LGBT  impegnandosi quotidianamente in azioni contro la discriminazione per orientamento sessuale o identità di genere.

Le attività e le realtà culturali materane e provinciali che decidono di entrare in questo circuito diventano realtà friendly dichiarando pubblicamente di essere accoglienti verso tutte le persone, indipendentemente dal loro orientamento sessuale e/o dalla loro identità di genere, esponendo il logo del nostro circuito e impegnandosi ad essere promotori di un cambiamento culturale cittadino.

Questo potrebbe generare sensibilità nell’accoglienza delle persone omosessuali a Matera che siano single o in coppia o in una famiglia omogenitoriale. Ricordiamo a tutti che ora due uomini o due donne possono essere uniti civilmente e questo comporta un adeguamento della terminologia e delle attenzioni da rivolgere loro. E’ importante che tutti imparino ad usare le parole giuste rispettando l’identità di genere e l’orientamento sessuale di chi si ha di fronte. Essere una città gayfriendly permette ai turisti gay di scegliere Matera come meta sicura dei loro viaggi e permette ai cittadini materani omosessuali di decidere di rimanere nella propria città e non avere per forza la necessità di andare altrove per poter esprimere liberamente la propria identità. La felicità di tutti può essere anche in una MateraFriendly.

Scorrendo tra le news del nostro sito potete leggere le risposte alle altre domande che normalemente ci vengono rivolte quando spieghiamo il nostro progetto.

MATERAFRIENDLY – rispondiamo alle vostre domande – domanda n. 2 – “Perchè è nato il MateraFriendly?”


MateraFriendly è un circuito gay-friendly per l’accoglienza e l’inclusione delle persone omosessuali, bisessuali e transessuali a Matera.
È nato un pomeriggio d’estate, circa un anno fa, quando – sedute intorno ad un tavolo – ragionavamo di quanto dirompente sarebbe stato mettere un simbolo visivo di accoglienza arcobaleno in giro per la città agli occhi dei ragazzi gay e delle ragazze lesbiche, che spesso pensano di non avere un futuro felice a Matera, solo per via del loro orientamento sessuale o della loro identità di genere.
A questo primo spunto riflessivo, si sono aggiunti sia i racconti, a volte comici e a volte amari, delle coppie omosessuali nella città di Matera che si sono unite civilmente e che hanno trovato difficoltà nell’organizzare le loro cerimonie, sia i racconti di turisti LGBT che nella nostra città non hanno trovato nulla che facesse capire loro di essere in un contesto accogliente e non ostile.
Perché ancora oggi, e questo sfugge a tanti, per quanto a parole l’Italia e gli italiani siano bravi a dirsi accoglienti e inclusivi verso le persone gay e lesbiche, siamo invece il Paese con il tasso di omofobia tra i più alti in Europa. Siamo il Paese nel quale il DDL Cirinnà, decreto che riconosce le unioni civili omosessuali, non solo è arrivato in netto ritardo rispetto agli altri Paesi europei, ma per giunta è nato già “vecchio”, in quanto nel resto del mondo si parla ormai di matrimonio tra persone dello stesso sesso e diritti civili paritari acquisiti. È notizia di questi giorni l’approvazione del matrimonio LGBT nella cattolica Malta e questa notizia ci rimanda in coda nuovamente alla classifica dei Paesi civili europei.
Per il popolo LGBT, che ancora combatte per molti diritti elementari, il fatto di sentirsi esplicitamente benvoluto è un fattore importante. Occorre, pertanto, avere il coraggio di pubblicizzare locali, festival, saune, negozi, hotel, ristoranti nei quali un gay o una lesbica possano trovare non solo la bellezza del luogo, ma anche il rispetto della loro identità.
Perché oggi essere omosessuali, bisessuali e transessuali in Italia e a Matera significa ancora non essere tranquilli, aver paura di scoprirsi, vivere nascosti, fingendo anche per tutta una vita di essere altro da sé. Avete mai visto a Matera coppie gay e lesbiche materane tranquillamente mano nella mano per la città? No. Pensate che non ce ne siano? Vi sbagliate.
L’arrivo di turisti omosessuali in coppia a Matera, sicuramente favorisce l’apertura di tutti coloro che lavorano nell’indotto ricettivo e ristorativo ma l’accoglienza legata al business non è sempre coscienza e sensibilità realmente maturata. Certo la presenza dei turisti LGBT può servire da grimaldello ma l’obiettivo del MateraFriendly è più profondo: ci sono in ballo migliaia di euro di indotto e un ancor più prezioso arricchimento culturale dell’intera comunità locale.
Matera, Capitale europea della cultura per il 2019, non può tagliare questo traguardo prestigioso senza aver maturato la consapevolezza della vera cultura dell’accoglienza e dell’inclusione verso tutti i cittadini del Mondo.

MATERAFRIENDLY – rispondiamo alle vostre domande – domanda n. 1

Il 16 giugno scorso abbiamo dato avvio al progetto MateraFriendly e, a distanza di poche settimane, sono già tante le adesioni che abbiamo ricevuto e che ci rendono orgogliose del nostro operato e della risposta dei materani.
Sentiamo però la necessità di puntualizzare qualche concetto per dare informazioni corrette e precise a chi, dall’esterno, non riesce bene a comprendere cosa sia il nostro progetto e perché è ancora oggi necessario.
Sentiamo, infatti, il bisogno di spiegare più nel profondo le ragioni che ci hanno portato ad ideare MateraFriendly e rispondere alle domande che più frequentemente ci vengono poste. Da oggi risponderemo ad una ad una alle domande più frequenti che ci vengono poste sperando che le nostre risposte siano esaustive.
Cominciamo dalla prima e anche dalla più generica.

1. CHE COS’È MATERAFRIENDLY?
MateraFriendly è un circuito per Matera e provincia al quale aderiscono, gratuitamente e su base volontaria, attività commerciali, strutture ricettive e ristorative, associazioni o enti che vogliono connotarsi come friendly. Chi aderisce al progetto sottoscrive un accordo e una carta d’intenti con la quale si impegna a mantenere un comportamento effettivamente inclusivo nei confronti delle persone LGBT (Lesbiche, Gay, Bisessuali e Transessuali) ed a partecipare ad eventuali momenti di in-formazione che potrebbero essere organizzati da RiSvolta. L’attività che entra nel circuito viene inserita nella apposita sezione del sito web di RiSvolta https://risvoltamatera.wordpress.com/ e riceve una vetrofania da esporre nella propria attività per rendere facilmente individuabili gli aderenti alla rete alla cittadinanza o ai turisti in soggiorno nella nostra città e/o nella nostra provincia.
Vi ringraziamo per la vostra attenzione e ci ritroviamo alla prossima domanda.

MATERA DA OGGI DIVENTA MateraFriendly

 

Conferenza stampa di presentazione

PRESENTAZIONE PROGETTO “MATERAFRIENDLY”

VENERDÌ 16 GIUGNO ORE 11.00 – SALA MANDELA – COMUNE DI MATERA

Questa mattina alle ore 11.00 presso la Sala Mandela del Comune di Matera si è tenuta la conferenza stampa di presentazione del progetto “MateraFriendly”, ideato e promosso dall’ Associazione RiSvolta di Matera.

MateraFriendly nasce con il patrocinio dell’Ufficio della Consigliera di parità della Regione Basilicata, del Comune di Matera e della Fondazione Matera-Basilicata 2019 e l’appoggio del CNA, Confesercenti e Confcommercio e CAM.

Alla conferenza stampa, moderata dal giornalista Sergio Palomba hanno preso parte, Camilla Montemurro responsabile dell’Ufficio Cultura del Comune di Matera, Rita Orlando in rappresentanza della Fondazione Matera-Basilicata 2019, Vanessa Vizziello Presidente dell’ Associazione RiSvolta, Marianna Dimona Presidente del CAM di Matera, Leonardo Montemurro Presidente provinciale CNA, Francesco Lisurici Presidente provinciale Confesercenti e l’artista Michele Volpicella, autore del logo del progetto.

MateraFriendly è un circuito che unisce attività commerciali e culturali, strutture turistico-ricettive, sotto il comune intento di impegnarsi ad abbattere qualsiasi forma di discriminazione legata all’orientamento sessuale e all’identità di genere e ad includere e accogliere le persone, le coppie LGBT e le famiglie omogenitoriali residenti e in vacanza nella nostra città.

 “La finalità del progetto – spiega Vanessa Vizziello, presidente dell’Associazione RiSvolta – è quella di contribuire a creare a Matera e in provincia una comunità in cui ciascun individuo, indipendentemente dal sesso, dall’orientamento sessuale, dall’identità di genere e da altre condizioni personali, possa vivere serenamente e in armonia con gli altri, senza subire alcun tipo di discriminazione da parte di persone o istituzioni. Il Progetto nasce, infatti, per dare riconoscimento e serenità alle persone LGBT della comunità materana e per permettere ai i turisti omosessuali e transessuali, che scelgono la nostra terra come meta delle loro vacanze, di orientare le proprie scelte verso strutture sicuramente accoglienti”.

La necessità di creare un circuito friendly visibile in città e nei paesi della provincia nasce anche dal cambiamento culturale introdotto dall’approvazione della legge Cirinnà per il riconoscimento delle unioni civili. Questo passo storico per l’Italia ha portato da un lato alla necessità di riconoscere culturalmente l’esistenza di nuove forme di famiglia e dall’altro alla necessità, in tutta la filiera commerciale, dell’adeguamento delle proprie offerte e dell’ampliamento delle proprie vedute. Pertanto è nata in RiSvolta la necessità di sensibilizzare anche le attività commerciali materane e della provincia, di qualsiasi settore, sul tema dell’accoglienza delle persone LGBT che, ormai in numero sempre più elevato, sono presenti sul nostro territorio, in qualità di residenti e di turisti.

Il Maestro Michele Volpicella, autore del logo MateraFriendly, ha così spiegato l’idea progettuale e grafica: “Ho conosciuto le ragazze di RiSvolta presso la Galleria Arte e Arti di Enrico Filippucci durante l’inaugurazione di una mia mostra e la richiesta di creare un logo per questo progetto mi ha entusiasmato e stimolato. Il logo che ho realizzato è nato pensando alla genesi dei movimenti basati su sessualità e identità di genere. Un omaggio a Del Martin e Phillis Lyon, che nel 1955 fondarono Daughters of Bilitis, il primo movimento lesbico statunitense. Ho preso spunto dalla copertina della rivista periodica The Ladder pubblicata dal movimento e ho elaborato il progetto inserendo la “S” arcobaleno, simbolo dell’Associazione RiSvolta e lo skyline della città di Matera”.

Leo Montemurro e Francesco Lisurici presenti anche come delegati della Camera di Commercio, si sono resi disponibili ad attivare percorsi e attività che possano favorire lo sviluppo di questo progetto come corsi di formazione per titolari e dipendenti delle attività e l’attivazione di uno sportello informativo presso la sede del CNA di Matera.

Marianna Dimona, approvando la scelta di RiSvolta, ha espresso la necessità di sensibilizzare l’intera comunità e concorrere alla formazione culturale di tutto l’indotto alberghiero.

La Consigliera di Parità Regione Basilicata Avv. Ivana Pipponzi e la titolare di Area8 Mikaela Bandini, impossibilitate a presenziare alla conferenza, hanno mandato un videomessaggio di in bocca al lupo e plauso all’iniziativa.

Per aderire al progetto contattate l’associazione RiSvolta sulla pagina FB http://www.facebook.com/risvoltamatera,  tramite mail associazionerisvolta@gmail.com oppure tramite il sito che da oggi è on line all’indirizzo http://www.risvoltamatera.wordpress.com.

DA OGGI ON LINE IL SITO WEB DI RISVOLTA

La homepage del sito web di RiSvolta

Oggi siamo onorate di condividere con tutti voi un nuovo prodotto targato RiSvolta. L’esigenza di un sito web è nata  dalla volontà di semplificare la navigazione per i nostri utenti e rendere facilmente reperibili tutte le informazioni di cui, chi accede al sito, possa avere bisogno.

Proprio dalla voglia di aiutare chi naviga su internet, è nato il nostro nuovo sito web, studiato per offrire una navigazione semplice e intuitiva, guidata da una grafica pulita, menù chiari ed essenziali, colori e diciture che consentano con pochi clic di arrivare ad ottenere il contenuto ricercato.

Il nostro obiettivo è stato anche quello di fornire una maggiore completezza dell’informazione offerta, con pagine che descrivono tutte le nostre attività attraverso descrizioni semplici ed accurate ed una modalità di ricerca immediata.

All’interno tante funzioni e contenuti nuovi tutti da scoprire, come ad esempio la pagina dedicata al progetto MateraFriendly di cui vi parleremo nei prossimi giorni.

Vi invitiamo quindi a scoprire il nostro nuovo sito all’indirizzo www.risvoltamatera.wordpress.com e a segnalarci e suggerirci nuovi miglioramenti.

Vi auguriamo una buona navigazione!

Il Team di RiSvolta

COMUNICATO STAMPA PRESENTAZIONE “MATERAFRIENDLY”

RiSvolta e il Maestro Michele Volpicella, autore del logo.

Venerdì 16 giugno alle ore 11:00 presso la Sala Mandela del Comune di Matera si terrà la conferenza stampa di presentazione del progettoMateraFriendly, ideato e promosso dall’Associazione RiSvolta di Matera.

MateraFriendly è un circuito rivolto alle attività commerciali e culturali di Matera e provincia per promuovere e sostenere l’inclusione e l’accoglienza della persone della comunità LGBT.

Durante la conferenza stampa interverranno la Consigliera di Parità Regione Basilicata Avv. Ivana Pipponzi, il Sindaco di Matera Avv. Raffaello De Ruggieri, il Direttore generale della Fondazione Matera-Basilicata 2019 Paolo Verri, la Presidente dell’ Associazione RiSvolta Vanessa Vizziello, la Presidente CAM – Matera Dott.ssa Marianna Dimona, l’artista Michele Volpicella, autore del logo del progetto e la titolare di Area 8 Mikaela Bandini.

Moderatore della conferenza stampa sarà il giornalista Sergio Palomba.